Curly Girl Method: la guida per capelli mossi e ricci | Wingsbeat
15564
post-template-default,single,single-post,postid-15564,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-13.1.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive,elementor-default

Curly Girl Method: la guida per capelli mossi e ricci

Curly Girl Method la guida per capelli mossi e ricci

Curly Girl Method: la guida per capelli mossi e ricci

Il Curly Girl Method (CGM) è un approccio nato per chi ha capelli naturalmente mossi e ricci. Questo metodo nasce dal libro Curly Girl: The Handbook scritto dalla hair stylist Lorraine Massey, dove raccoglie consigli sull’hair care adatta per capelli ricci, ci guida passo dopo passo, dal lavaggio alla cura quotidiana del capello. Le informazioni contenute nel libro, unite all’etica di vari canali social, hanno dato vita a più versioni del metodo. Alcune considerano adatti solo prodotti biologici/organici, altre accettano la presenza di sostanze filmanti. Alcune sconsigliano l’uso di qualsiasi tipo di tensioattivo, altre invece optano per detergenti delicati.
La cosa certa è che il CGM prevede l’esclusione di siliconi, oli minerali, paraffine, solfati, cere particolari e alcool disidratanti. Tutti ingredienti largamente usati in molti prodotti commerciali.

 

I passi fondamentali del Curly Girl Method

In generale lo scopo principale di questa routine è quello di trattare la chioma in modo delicato e naturale. I capelli ricci, data la loro forma, sono più inclini alla secchezza rispetto a quelli lisci e, per questo motivo, la corretta idratazione e i lavaggi delicati giocano un ruolo importante per accentuare la forma naturale del capello.

Vediamo nel dettaglio ogni step per intraprendere il cammino del Curly Girl Method:

  • Final Wash: indica il periodo di transizione in cui si rimuovono gli ingredienti dannosi accumulati sui capelli. È necessario eseguire uno o più lavaggi con uno shampoo che contenga solfati e che NON contenga siliconi.
  • Lavaggio: terminati i lavaggi di final wash è il turno dei prodotti senza solfati e dei lavaggi alternativi. Cowash, loopow, nopoo ed erbette lavanti! Detergere i capelli in modo delicato è alla base del CGM. Queste tecniche alternative li renderanno più morbidi, lucidi e corposi.
  • Idratazione e nutrizione: dopo avere lavato la chioma, il secondo step consiste nell’applicazione di un balsamo o una maschera da tenere in posa per qualche minuto. Questa fase è utile per idratare e nutrire i capelli, e per districare i nodi. Puoi aiutarti semplicemente con l’uso delle mani o con un pettine a denti larghi.
  • Styling: risciacquato il balsamo tampona delicatamente i capelli con un panno in cotone o microfibra, ciò diminuirà la nuvoletta di crespo. A capelli ancora grondanti, applica un leave-in e i prodotti per lo styling . Fai attenzione ed assicurati di distribuire i cosmetici uniformemente, eseguendo la tecnica di styling che preferisci (LOC, Scrunching, Shaking, Fitagem, Ditoliss, ecc…).
  • Asciugatura: assolutamente niente calore! L’ideale è lasciare i capelli liberi di asciugarsi naturalmente all’aria. È possibile, tuttavia, optare per il Plopping o utilizzare l’aria fredda dell’asciugacapelli, preferibilmente minuto di un diffusore adatto a ricci e mossi.
  • Deep Conditioning: una volta a settimana, prima del lavaggio. Applica un impacco o una maschera a capelli bagnati, per assicurare alla chioma un trattamento di idratazione profonda. Il tempo di posa può variare dai 30 minuti fino alle 2 ore.

 

Riparare i capelli danneggiati? Si, con le proteine!

La parte più esterna del capello è formata da più strati di cellule, principalmente composte da cheratina. In base allo stato di salute, queste cellule compongono una superficie liscia quando sono più chiuse e sane, o una superficie più ruvida se sono aperte e danneggiate. Nel primo caso il capello ha una bassa porosità, nel secondo alta.
La porosità determina la capacità del capello di assorbire o disperdere acqua ed ingredienti cosmetici.
In generale i capelli danneggiati hanno porosità alta, sono visibilmente opachi e secchi, tendono a spezzarsi facilmente e avranno quasi sicuramente bisogno di proteine per ricostruire la struttura capillifera.

Dove trovare le proteine?
Esistono molti prodotti in commercio che ne contengono, nell’inci appariranno con la denominazione Hydrolized. In alternativa basta aggiungere agli impacchi un pò di gelatina alimentare, spirulina in polvere, cheratina o qualche goccia di proteine della seta, fare risciacqui con birra analcolica o acqua di riso, e usare maschere e prodotti per lo styling a base di spirulina.
Attenzione! Mai eccedere con le proteine, si otterrà l’effetto contrario, i capelli appariranno ancora più secchi e opachi.

Capelli ricci o mossi? Ecco i segreti per averli sempre perfetti!

Ogni volta la stessa storia, appena lavati capelli meravigliosi, lucidi, morbidi e definiti. Tutti i nostri sforzi vengono ripagati e raggiungiamo la pace dei sensi. Tuttavia la mattina dopo… Puff!! Tutto svanito. La nostra chioma diventa una matassa di crespo, nodi e ricci deformi. Ed ecco che arriva la desolazione, ma non demordere! Esistono dei trucchetti che aiutano i boccoli a mantenere la loro forma.

Il primo accorgimento per evitare il crespo lo abbiamo già citato: prediligere asciugamani (o magliette) in cotone o microfibra, per avvolgere e tamponare delicatamente i capelli dopo averli lavati. Il secondo accorgimento riguarda il nostro amato letto, che purtroppo è l’acerrimo nemico della nostra chioma. Durante il sonno ci giriamo e rigiriamo sul cuscino, causando sfregamento e stress alla struttura del capello, che ovviamente si deformerà, annoderà e spezzerà. Per evitare (o almeno limitare) ciò, è consigliato dormire con i capelli legati ad ananas o fissati in alto con pinze, ed utilizzare fodere per cuscini, cuffie o foulard in raso o seta. Questi materiali ti permetteranno di ridurre il frizz senza sforzi, grazie alla loro superficie liscia che non causa la rottura delle ciocche.

Per ravvivare i nostri capelli ricci o mossi nei giorni successivi allo shampoo, il Curly Girl Method consiglia di rinfrescarli bagnandoli con dell’acqua e utilizzando una tra le varie tecniche di re-styling (Praying hands, Ditollis, ecc…). Alcune prevedono l’uso della semplice acqua, altre integrano prodotti di styling. Prova e riprova, solo l’esperienza ti dirà qual’è la migliore tecnica per la tua chioma!

Per altri consigli e suggerimenti per trattare i capelli ricci leggi qui.